fbpx

Spedizione Gratuita con ordini superiori a 130€!!!

7 benefici del Cotone Organico sulla pelle

7 benefici del Cotone Organico sulla pelle

Conosciamo i motivi per mangiare sano, conosciamo i motivi per muoverci e praticare attività fisica, ma a questa combinazione manca ancora una scelta essenziale: quella di indossare abiti di qualità.

Accostare alla nostra pelle – pensiamo a zone delicate come inguine, ascelle e pancia – tessuti con coloranti aggressivi e fibre cresciute con pesticidi, spesso porta ad un malessere che non riconosciamo.

Scegliere di indossare abbigliamento vegan non è una scelta frivola e modaiola, ma una vera scelta di consapevolezza. 

Il cotone biologico, chiamato anche cotone organico, è coltivato seguendo le regole dell’agricoltura biologica, esattamente come si fa per i prodotti alimentari.

Questo processo esclude i diserbanti, i pesticidi, i fertilizzanti, e tutta una serie di sostanze sintetiche nocive per l’ambiente, per l’uomo stesso e anche per i nostri animali.  

E stiamo solo parlando della fase di coltivazione biologica, senza pensare ai processi che può subire invece il cotone tradizionale durante la produzione.

Per fortuna al momento possiamo scegliere tra molte ottime fibre naturali che non interferiscono con il nostro benessere, ma oggi ci concentriamo sui benefici del Cotone Biologico.

Il cotone bio è il connubio tra una scelta di benefici personali e benefici per l’ambiente.

Conosciamo di seguito i più eclatanti.

1 E’ “derma friendly”. In parole semplici è un amico fidato della nostra pelle. 

E’ ipoallergenico, ideale per chi soffre di allergie, dermatiti o ha la pelle molto delicata.

Consente alla pelle di respirare, offrendo un abbigliamento asciutto e confortevole in ogni situazione climatica. Col freddo o con il caldo, il cotone è sempre un’ottima scelta.

Al tatto il cotone è soffice e morbido.

2 Grande attenzione alla natura: nella coltivazione del cotone biologico vengono vietate le sostanze nocive per l’ambiente e la salute umana. 

Niente OGM, come da tradizione italiana, ma neppure si pratica l’esfogliazione chimica, per poterlo raccogliere prima. Si rispetta il ciclo vitale della pianta.  

3 Ecosostenibilità: La terra non viene sfruttata e poi abbandonata, ma entra in un regime di rotazione. Il terreno non ha risorse minerali infinite, ogni coltivazione ha bisogno di determinare sostanze che sottraggono al terreno stesso. Con la rotazione si rispetta sempre il terreno.

4 Ha un’industria sostenibile: la coltivazione del cotone biologico a differenza del cotono tradizionale garantisce salari minimi del lavoro equo.

Rispetta la terra e rispetta l’uomo che la coltiva. Preserva il territorio per i nostri figli.

5 Si risparmia l’acqua del pianeta

Sono circa 1930 litri d’acqua in meno per ogni tonnellata di cotone biologico prodotto. Per ogni tonnellata di cotone organico sono utilizzati 182 litri d’acqua, contro 2.120 litri del cotone tradizionale.

6 L’etichetta del cotone biologico riporta come minino il 95% di fibre di cotone fino ad un massimo di 100%.
Le nostre maglie contengono il 100% ad esempio.

I capi di cotone destinati all’uso sportivo possono avere il 5% di materiale elastico.

Il nostro consiglio però è di usare per l’attività fisica fibre naturalmente elastiche, come quella di ricino ed eucalipto per esempio

Pratiche come quelle sintetiche, ma di qualità nettamente superiore.

7 Infine, ma non per questo meno importante, parliamo della resistenza del cotone biologico, durevole nel tempo e dalla facile manutenzione.

Il cotone biologico è una fibra durevole, può essere lavato in lavatrice come quello tradizionale, e non necessita di stiratura se lavato a bassa temperature. Questo accorgimento garantisce la longevità del capo e risparmio energetico, lavaggio dopo lavaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *